Libri

Libro cartaceo

Pagine di guerra e della vigilia di legionari trentini (con note biografiche)

Di: Bice Rizzi (a cura di)

Copertina Pagine di guerra e della vigilia dei legionari trentini
Libro cartaceo

Pagine di guerra e della vigilia di legionari trentini (con note biografiche)

Di: Bice Rizzi (a cura di)

Descrizione

Volontari della Grande Guerra: molti furono i trentini che scelsero di combattere per l’Italia, rischiando la morte sul campo e, in caso di cattura, la condanna per tradimento. Una raccolta di lettere e documenti di questi eroi, dai più famosi a quelli sconosciuti: sono i volontari del R. Esercito, gli arruolati nel Corpo di spedizione dell’Estremo Oriente e i molti accorsi nella città di Fiume contesa. I loro scritti rispecchiano il vivere quotidiano del periodo bellico, la fede profonda negli ideali di patria e, spesso, l’estremo sacrificio per difenderla.

Bice Rizzi (San Bernardo di Rabbi, 26 agosto 1894-Trento, 27 aprile 1982). Irredentista, il 3 luglio 1915 fu presa in ostaggio in cambio della libertà concessa al padre morente, imprigionato per spionaggio militare a favore dell'Italia. Nell'agosto dello stesso anno venne avviato a suo carico un processo per "alto tradimento" e il 27 gennaio 1916 fu condannata a morte per capestro. Era stata ritenuta responsabile di propaganda a favore dell'intervento in guerra dell'Italia e di aver fornito informazioni militari segrete. In seguito la condanna a morte le venne commutata in quella a 10 anni di carcere duro che scontò in parte nella fortezza di Weiner Neustadt. L'8 novembre 1918 fu rimessa in libertà. Dal 1923 al 1964 fu direttrice del Museo del Risorgimento di Trento (oggi Fondazione Museo storico del Trentino). La sua produzione storica, particolarmente rivolta agli studi del Risorgimento nazionale e l'irredentismo, fu assai copiosa.

Sommario

  • Introduzione
  • Caduti
  • Morti durante la guerra
  • Superstiti